L'UNICAL SCENDE IN PIAZZA!

. 6 novembre 2008
  • Agregar a Technorati
  • Agregar a Del.icio.us
  • Agregar a DiggIt!
  • Agregar a Yahoo!
  • Agregar a Google
  • Agregar a Meneame
  • Agregar a Furl
  • Agregar a Reddit
  • Agregar a Magnolia
  • Agregar a Blinklist
  • Agregar a Blogmarks

Non pagheremo la vostra crisi: è questo lo slogan nazionale che ha animato le lotte di queste settimane. Lo riproponiamo nella nostra città per rifiutare di pagare la crisi del capitalismo, di un sistema senza regole.
La crisi non può ricadere sulla spalle della scuola, dell'università, della sanità, dei contribuenti e dei precari: non vogliamo socializzare le perdite dopo anni di privatizzazione dei profitti.
Le occupazioni, le assemblee, le iniziative che hanno coinvolto e contagiato le città e l'intero paese hanno indicato come un'altra università fatta di partecipazione e democrazia sia possibile.
Siamo un movimento pacifico ma determinato e non cederemo all'arroganza del governo; per questo non ci fermeremo sino a quando la Legge 133 sull'Università e il Decreto Gelmini sulla scuola non saranno ritirati.
Molte cose nel mondo della formazione vanno cambiate ma il rinnovamento non passa attraverso tagli e privatizzazioni. La nostra regione, già tanto vessata dalla collusione tra politica e malaffare, sarà particolarmente colpita da queste politiche antisociali e per questo invitiamo tutti i calabresi a unirsi alla nostra protesta.
Chiediamo a tutti di rispettare la nostra autonomia che trova le sue ragioni in una battaglia culturale in difesa del sapere, dell'istruzione e della ricerca pubblici. Per questo chiediamo a tutti di partecipare senza simboli al nostro corteo.
Il comitato di lotta dell'Unical raccoglie l'invito dell'Università la Sapienza di Roma e promuove per il giorno 7 novembre una manifestazione a Cosenza con concentramento alle ore 10 in P.zza Zumbini.

COMITATO DI LOTTA UNICAL


26 commenti:

princess88 ha detto...

finalmente s passa ai fatti...ma s può sapere almeno dove c dirigeremo?

ziosnaps ha detto...

Vero..finalmente si passa ai fatti!!

La coscienza genera coscienza

Comitato Unical ha detto...

Ragà.. basta avere la pazienza e il tempo per organizzare bene tutte le iniziative.
Sarebbe sciocco e controproducente fissare dall'oggi al domani delle iniziative che richiedono abbastanza tempo.
L'invito, perciò, è di aderire e partecipare il più possibile.
La protesta tocca tutti quanti!

luciano ha detto...

Ragazzi, faccio qui una proposta e poi la rifarò lunedì nell'assemblea mattutina. Perché martedì sera, dopo la proiezione de "La via lattea" e il seminario col prof. Clausi, non facciano una non-stop per seguire le elezioni americane? La7 e Matrix faranno degli speciale che dureranno tutta la notte, e seguirli potrebbe essere una iniziativa interessante. Che poi per inciso, io non tifo ne per Obama, ne per McCain, visto che sono entrambi due imperialisti, ma comunque l'evento è in ogni caso importante. Cosa ne dite?

Exixa ha detto...

Ragà facciamoci sentire e gridiamo a tutti che l istruzione non può essere pagata!!Spero che tutto questo possa far sentire in colpa quelli che stanno sopra e non fanno altro che mangiare sui nostri soldi..i tagli ai loro stipendi non all istruzione!!7novembre io ci sono...

Anonimo ha detto...

a quanto pare SMFN domani fa lezione dato che non mi è stato comunicato il contrario cmq dato che noi non siamo stati capaci di fare nulla sono felice dell' iniziativa presa dal comitato e ci sarò..anzi ci saremo...in tanti il 7!

Aku ha detto...

Forza ragazzi continuate con il vostro impegno. Adesso viene il difficile non bisogna mai farsi prendere dallo scoramento, dalla sfiducia e senso di impotenza. La lotta deve essere concreta e senza cedimenti cercando di coinvolgere il maggior numero di persone e informando tutti quelli che non vivono l'università o la scuola e che sono facilmente preda degli slogan berlusconiani e della loro informazione manipolata (un esempio è dato dal comportamento del sito del corriere della sera).
Da Bologna vi seguo sempre e parlo a tutti che anche la mia università si sta mobilitando come tutta l'Italia.
Buone lotte e mobilitazioni, non facciamoci intimidire e dividere

-nArCo- ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=wZT_7xQAmro&feature=related

Servizio di TEN, lo aggiungiamo?

Anonimo ha detto...

Ma una volta concentratici alle pensiline alle 9 come si procederà? Vedo che la concentrazione a Cosenza è alle 10, mi sembra un po' prestino :S

Anonimo ha detto...

Dopo l'approvazione delle legge alcune forze politiche hanno avanzato la proposta di referendum sulla legge 133, volevo sapere se l'unical attiverebbe iniziative in tal senso inziando una raccolta firme e la manifestazione sarebbe un momento interessante poichè si potrebbe coinvolgere la cittadinanza non universitaria di Rende e Cosenza

Francesco P. ha detto...

Finalmente, la macchina anti-fascismo berlusconiana, si è messa in moto... Io il 7 ci sarò con corpo e anima... vinciamo questa guerra, e andiamo avanti anke a partita vinta, xk eliminare solo la 133, non migliora l'università italiana... ciao

Anonimo ha detto...

...mi raccomando all'autunno che nn ci mandi tutti in letargo......


INGEGNERIA-LETTERE SENZA DIFFERENZA

Anonimo ha detto...

Francesco P. ha detto...

Finalmente, la macchina anti-fascismo berlusconiana, si è messa in moto... Io il 7 ci sarò con corpo e anima... vinciamo questa guerra, e andiamo avanti anke a partita vinta, xk eliminare solo la 133, non migliora l'università italiana... ciao


basterebbe un solo fascista degli anni che furono per sgomberarvi tutti...

con i fascisti di adesso ce ne vorrebbe qualcuno in più ma alla fine sono sicuro che vi cacceremo sicuramente dalle palle!

avete fatto di un problema DEGLI STUDENTI una questione politica, avete STRUMENTALIZZATO una questione per insultare "chi è al potere".

siete ridicoli e ancora più ridicolo è la cattiva informazione che fate perchè a voi serve radunare quante più pecore possibili e non vi interessa se queste poi conoscono effettivamente la normativa.

è triste l'istigazione ad occupare le scuole e le università, è triste il vostro modo di ragionare cosi ostinato, testardo che poi alla fine diventa sciocco.

quando vi vedo penso seriamente al fatto che non tutti dovrebbero studiare, ma solo chi davvero lo merita deve avere la possibilità, ci sono tanti caproni che vanno a scuola o all'università solo perchè non sanno cosa fare.

diamo a chi merita, togliamo a chi non vale niente, molti non sanno nemmeno cosa significhi studiare e impegnarsi: vogliono la promozione garantita da questa falsa democrazia che crede che dare tutto a tutti sia giusto, invece che profondamente sbagliato e diseducativo.

l'italia è il paese dei balocchi per i vagabondi, si danno i premi a chi meno fa, ma vi sembra giusto?

prima di reclamare un diritto, controllate se avete fatto prima i vostri doveri.

cordialmente NDOGNI

Onda Rossa ha detto...

Fascisti infami.
Onda Rossa antifascista.

Anonimo ha detto...

Ma chi cazzo è questo qui?
vabbè come al solito dobbiamo stare a sentire un mare di cazzate su come gli organizzatori "trascinano le percore ignoranti".
Vorrei ricordare a quell'idiota qui sopra che all'assemblea di ateneo hanno deciso gli studenti cosa fare, a discapito proprio di quello sparuto gruppetto che aveva proposto di occupare l'autostrada.
Ma non è questo il problema, come al solito basta un pò di bile per far salire la merda a galla. Innanzitutto chiarirei che nessuno di noi è una pecora, lo dimostrano tutte le iniziative avviate, l'alta partecipazione e il fatto che in tutte le aule occupate ho sempre incontrato gente che sa di cosa parla e sa organizzarsi.
avanti mettiti in moto tu! DAI! dicci qual'è la verità! mettiamo i banchettini? ci facciamo appoggiare da qualche politico rinsecchito e millantatore? Organizziamo un bel brindisi all'excelsior?
Cosa vuol dire MERITARE di studiare? Non puoi demonizzare chi si dà un esame l'anno, sono problemi suoi, tanto i soldi all'università purtroppo li dà comunque e non venirmi a fare storie sul fatto che poi queste stesse persone hanno il posto di lavoro assicurato.
Da che mondo è mondo i primi vermi alla ricerca di un posto per sfoggiare le nuove cravatte siete stati voi, lo dimostra chi ci governa, chi ci accusa e la sequela di cazzate contraddittorie che hai riportato con zelo.
i fascisti di una volta si prenderebbero gli stessi schiaffi che abbiamo riservato per gente ignobile e ignorante come te.
se protesti sei semplicemente un contraddittorio. nessuno di noi crede agli studenti di destra che si schierano, LE PECORELLE AL MASSIMO IN QUESTO SIETE VOI, INCAPACI DI ORGANIZZARVI, DI PENSARE CON LA VOSTRA TESTA, AD ASPETTARE SEMPRE IL CONTENTINO DI QUALCUNO.
Un vaffanculo sentito nella speranza di incontrarti e riderti in faccia e se hai intenzione di cacciarmi ti spacco pure il muso
roito.

Anonimo ha detto...

rispondo a roito

non so chi sei tu ma all'assemblea di ateneo non hanno decisono gli studenti ma bensì quei 4 fricchettoni che fanno parte del comitato e che quel giorno erano tutti gasati al massimo per trascinare i più "rivoluzionari" ad occupare le alule, dimmi tu se questa è democrazia...

merita di studiare chi studia con impegno e sacrificio, io non sono contro chi fa un esame all'anno, sono contro quelli che vanno a scuola o all'università solo perchè altrimenti dovrebbe andare a lavorare, io sono contro questo tipo di bestie che si divertono a fare i vandali, a insultare i professori e a disturbare chi ha voglia di imparare.

gli studenti di destra sono schifati dal vostro modo di ragionare e di fare le cose.
per fare certe cose ci vuole serietà e un minimo di ragionevolezza... dato che voi siete sempre così ostinati allora nessuno di noi si metterà a parlare con voi e quindi poi ci vogliono le spranghe e i manganelli.

io mi sono inserito in questo blog cercando di essere il più diplomatico possibile, per non essere di parte, ma con gente come voi non si può proprio.

preferisco stare a casa invece che unirmi a voi per fare protesta (e io sono contrario ai tagli che tutti i governi di destra e sinistra hanno inflitto all'istruzione).

i fascisti di una volta erano più crudeli, quelli di oggi lo sono un pò meno, ma non credo che avresti tempo e modo di riderci in faccia, perchè ti mancherebbero i dentini :D

Cordialmente NDOGNI

Funny ha detto...

Ragazzi io penso che insulti, minacce e spaccamento di musi sia cotroproducente per tutti! Penso che atteggiamenti simili portino dalla ragione al torto! Siamo adulti TUTTI e gli adulti ragionano...O almeno si spera lo facciano!

Anonimo ha detto...

scrivo per rispondere a ndogni

se eri all'assemblea di ateneo ti sarai accorto di come qualcuno tra i "quattro fricchettoni" propendesse per l'occupazione dell'autostrada... hai potuto ben vedere che i fischi degli studenti (tra i quali anche i miei fischi...ed io sicuramente non sono di destra)li hanno sommersi! questo dimostra che la gente ancora ragiona e che sa far valere le proprie ragioni. L'occupazione delle aule è stata una reazione spontanea che è servita a sollevare il problema e a renderlo visibile a tutti. Come puoi vedere ciò non ha causato problemi alla struttura universitaria come al suo funzionamento. Ed in realtà non si tratta neanche di occupazione che è una cosa molto diversa da ciò che è accaduto all'università. Io sono per la meritocrazia che è tutto fuorchè ciò che questo governo sta cercando di instaurare in Italia. Il criterio di valutazione del merito non può essere economico. TUTTI HANNO DIRITTO ALLO STUDIO. Il fatto che anche chi non è tagliato per studi avanazati (universitari) venga a perdere tempo stazionando all'università è un problema che non riguarda te ma il diretto interessato (peraltro assecondando la tua ottica è un concorrente in meno per te :-p).
Comunque non mi sembra che ci siano state offese verso professori o atti di vandalismo durante questi giorni. Se sei contrario ai tagli dovresti venire anche tu a manifestare il tuo dissenso... Se associ le persone in piazza ad una massa di minchioni senza voglia di fare un cazzo fai lo stesso errore di valutazione dei governi. Io stamattina ero tra quelli in piazza e di sicuro non sono un fancazzista perditempo e i fatti parlano chiaramente. E ti invito a riflettere sul fatto che il ricorrere a spranghe e manganelli è il primo segno di debolezza e che una persona che pensa queste cose NON DOVREBBE AVERE ACCESSO ALL'AMBIENTE UNIVERSITARIO PERCHE' MANCA DI FORMAZIONE BASILARE!!!! (Giusto per rimanere in tema meritocrazia). Dici di essere di destra ma penso che l'uomo di destra più indiscutibile di tutti i tempi (Indro Montanelli) ti avrebbe preso a sberle per farti rinsavire se avesse potuto!!! Quindi se si vuole aprire un dibattito sereno se ben accetto ma se apri il tuo discorso parlando di manganelli e cercando di "cacciarci dalle palle" sei pregato di andartene A LAVORARE!

---filozappiano---

Anonimo ha detto...

"basterebbe un solo fascista degli anni che furono per sgomberarvi tutti...

con i fascisti di adesso ce ne vorrebbe qualcuno in più ma alla fine sono sicuro che vi cacceremo sicuramente dalle palle!"

"io mi sono inserito in questo blog cercando di essere il più diplomatico possibile, per non essere di parte, ma con gente come voi non si può proprio."

oh aspetto il post con su scritto

"queste dichiarazioni non erano mie, sono stato traviato dai comunisti, la mia era solo una battuta, non ci fermeremo e via discorrendo..."
mi scuso per l'irruenza del mio primo post e ringrazio filozzappiano per avermi strappato le parole dalle dita
VALERIO

Anonimo ha detto...

Come un copione già scritto si cominciano con gli attacchi 'partitici' e patetici anche su questo spazio!!! Mi dispiace ma in questo movimento non ci sono divisioni e ne fanno parte quelli di destra come quelli di sinistra! E' questa la sua forza!!! Non provateci a dividerci perchè tanto siamo più intelligenti di voi!!

Giovanni ha detto...

"Cercheremo di non togliere i 134 milioni alle scuole private e cattoliche". E' l'impegno del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intervenuto questa mattina alla Fiera Milano di Rho. "Ho una grossa colpa - ha detto Berlusconi - non mi ero accorto che nella Finanziaria era previsto questo taglio alle scuole private e cattoliche". Il Premier parla di "una svista colpevole" e assicura il suo impegno per evitare questi tagli.

http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/politica/rep_politica_n_3394463.html

Giovanni

princess88 ha detto...

ieri è stata una bella manifestazione,finalmente abbiamo urlato la nostra rabbia anke alla città!si,abbiamo creato disagio alla città,ma alla fine questo si è saputo solo per le vie d cosenza!a quanto ne so io non ne hanno parlato nè giornali e nè tg!ma è possibile che per fare notizia bisogna uccidere qualcuno?!non lo so...inoltre volevo sapere se per il 14 si organizza qualcosa pure a cosenza...spero in qualche risposta...

Comitato Unical ha detto...

Vorremmo far notare ai gentili contestatori, i quali parlano di manganelli, incitano alla violenza, fanno apologia di fascismo (fino a prova contraria è ancora considerato REATO dalla Costituzione), che a differenza dei siti e dei blog di loro appartenenza questo spazio è aperto al confronto democratico.
Il Comitato non è un movimento di partito, non è un movimento di bottega, non prende soldi dall'università come le tante associazioni che - salvo sparute eccezioni - spolpano le casse dell'Ateneo. Il Comitato non vi impedisce di seguire i corsi, tantomeno impedisce ai docenti di tenere le lezioni. Tutto è rimesso al libero arbitrio e alla coscienza sociale dei singoli.
Se a qualcuno la cosa dà fastidio per qualche motivo, si tenga il fastidio e la smetta di mistificare.
Le aberrazioni che sono state fatte da questo governo sono sotto gli occhi di tutti e prima di accusarci di "plagiare le menti delle persone", ci si chieda perchè tanti studenti e docenti si stanno mobilitando e ci si chieda perché alcuni di voi ancora non lo fanno.
A meno che non siate quelli che dichiarano reddito zero e poi vengono all'Unical in BMW, invece di remare contro fareste bene a preoccuparvi di cosa succederebbe se questo Ateneo fosse costretto, in conseguenza ai tagli, a trasformarsi in Fondazione di diritto privato. La retta della Luiss e della Bocconi ammonta a circa 8.000 Euro l'anno.
Noi stiamo lottando per evitare che l'Unical in particolare e gli atenei italiani in generale divengano un lusso per pochi privilegiati.
Non dovete prendere per oro colato le nostre parole, ma sicuramente fareste bene ad informarvi bene primi di tentare inutilmente di disinformare gli altri.

Anonimo ha detto...

ma avete letto l'ultima? quel vecchio rincoglionito di Cossiga fa di nuovo parlare di se:

http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/scuola_e_universita/servizi/scuola-2009-6/cossiga-consigli/cossiga-consigli.html

meno male che in italia oltre agli imbecilli c'è tanta gente dotata di buon senso indipendentemente dalla loro collocazione politica.

A questo proposito vi segnalo le dichiarazioni di forza nuova (secondo me berlusconi sarebbe capace di dare del comunista anche a loro..) che propongono di revocare il titolo di senatore a vita a Cossiga per indegnità morale.

http://notizie.alice.it/notizie/cronaca/2008/11_novembre/08/scuola_forza_nuova_gravi_parole_cossiga_revocare_status_senatore,16769739.html

saluti da zoiberg

Anonimo ha detto...

Propongo al comitato ed ai collettivi di organizzare una seria contestazione alla sede del TGR, prima del 14. Non ci vogliono darci spazio e pure la Calabria che vuole cambiare, che vuole alzare la testa, siamo anche noi....siamo sopratutto noi...
La bella manifestazione del 7 a Cosenza meritava sicuramente più attenzione, invece hanno preferito mettere in vetrina i soliti vescovi, i soliti cardinali, i soliti massoni, politici-mafiosi, le solite sagre....Non ci voglione considerare ed è giunto il momento di farci sentire, di reagire subito senza aspettare l'ennesima scadenza.....Dobbiamo fargli che ci siamo e che non possono ignorarci

exitplanetdust ha detto...

Non fatene una questione di schieramenti. E' ridicolo. Bisogna unire le forze in quanto studenti. Informarsi sulle recenti riforme - ammesso si possano chiamare così - e battersi di conseguenza, se lo si ritiene giusto.

Mercoledì mattina, alle 10, c'è un appuntamento - lezione all'aperto, performance, letture, etc. - organizzato dal DAMS. Si terrà in piazza IX Settembre. Mi pare non sia segnalato altrove, perciò lo riporto qui.